Rep.it

Esopianeti: ecco la mappa celeste dei cugini della Terra

Sono 2.335 i pianeti individuati dal telescopio Kepler tra le costellazioni del Cigno e della Lira. Di questi, più di 20 si trovano nella “fascia abitabile”, né troppo calda né troppo fredda, alla giusta distanza dalla loro stella per poter avere acqua liquida. Una mappa interattiva per orientarsi alzando gli occhi al cielo in una notte serena

a cura di Matteo Marini e Visual Lab

Alzate gli occhi, in una notte serena, verso quello spicchio di cielo tra le costellazioni del Cigno e della Lira. Sembra vuoto e invece è ‘affollato’. Trovarlo è facile, basta cercare Deneb e Vega alte e luminose. Lì è dove il telescopio Kepler ha trovato tanti “cugini della Terra”, pianeti rocciosi, più o meno simili al nostro. Molti di essi (più di 20) si trovano nella fascia abitabile, la “Goldilocks zone” (la fascia Riccioli d’oro, né troppo calda né troppo fredda): dunque non troppo vicini né troppo lontani dalla loro stella madre.

Quello tra il Cigno e la Lira è l’angolo di volta celeste tenuto d’occhio per anni dal telescopio spaziale della Nasa. Kepler è il più prolifico cacciatore di esopianeti: ne ha individuati finora 2.335 al di fuori del Sistema solare. Oltre 4.000 sono invece quelli ancora da confermare, tra questi anche dieci nuovi mondi forse di taglia giusta per somigliare al nostro. Ma altri telescopi, anche terrestri, scrutano la luce o i movimenti delle stelle per scoprire se transita un pianeta oppure se si spostano, in risposta a una qualche azione gravitazionale.

Trappist-1 e gli esopianeti

Finora, in totale, i pianeti individuati e confermati sono 3500. Ma ce ne sono miliardi là fuori, e miliardi sono forse quelli che hanno caratteristiche simili alla Terra. E se sono alla “giusta distanza” dalla propria stella può significare acqua liquida sulla superficie e, forse, la presenza di vita.

La mappa dei “cugini della Terra”. Ma dove sono? Orbitano tutti delle stelle che fanno parte della nostra galassia, la Via Lattea. La distanza dalla Terra varia da pochi anni luce nel caso di Proxima Centauri o Trappist-1, fino a qualche migliaio, per i più lontani. In questa mappa navigabile a 360 gradi, abbiamo posizionato i mondi distanti che più somigliano alla Terra in tutto il cielo di entrambi gli emisferi.

La maggior parte gira attorno a stelle che non riusciamo a scorgere a occhio nudo, perché troppo deboli o lontane. Nell’universo la maggioranza delle stelle sono infatti nane rosse, come Proxima Centauri. Più piccole e fredde del nostro Sole. E non è escluso che se dovesse esserci vita, al di fuori di casa nostra, sia una di queste la fonte di energia che la alimenta.

Questa mappa è fatta perché, alzando lo sguardo di notte, possiate indicare un punto preciso e dire: “Ecco, lì ci sono pianeti simili al nostro. E magari la vita, al di fuori di qua”.

La mappa della volta celeste a 360°

Naviga tra le costellazioni alla scoperta dei pianeti simili alla Terra

Kepler, il telescopio cacciatore di esopianeti

Telescopio Kepler

Telescopio spaziale della NASA in orbita attorno al Sole lanciato il 7 marzo 2009 deve il suo nome all’astronomo tedesco del diciassettesimo secolo Giovanni Keplero. La sua visuale non viene mai oscurata dal Sole, dal nostro pianeta o dalla Luna

le stelle osservate

150.000: le stelle osservate

Nella prima parte della missione Kelper. Il telescopio è puntato nello spicchio di cielo compreso tra le costellazioni del Cigno, della Lira e del Dragone.

Obiettivo della missione

Obiettivo della missione

Individuare la presenza di pianeti al di fuori del Sistema solare. Nonostante i pianeti scoperti finora siano alcune migliaia, solo poche decine hanno una dimensione simile alla Terra e risiedono all'interno della “fascia temperata” che potrebbe significare acqua liquida sulla superficie.

Così è davvero per tutti

2.335

I pianeti scoperti grazie al transito di Kepler nella zona di cielo tra il Cigno e la Lira. Oltre 4.000 sono i pianeti classificati come candidati.

156 pianeti confermati

156 pianeti confermati e 520 candidati

Sono stati i pianeti scoperti dal telescopio Nasa durante la seconda fase della missione

pianeti extrasolari

4.034 pianeti extrasolari

Di questi 2.335 sono stati verificati come pianeti, e più di 30 sono grandi quanto la Terra in fascia abitabile

2016-kepler.jpg

2019

la Nasa ha annunciato che la missione K2 continuerà oltre il 2019, esaurito il carburante il telescopio resterà in orbita per altri 2 anni

Pianeti abitabili e la vita:
"Cerchiamo ossigeno, ozono e acqua"

Secondo Riccardo Claudi, astrofisico dell'osservatorio di Padova, alcuni possibili “gemelli della Terra” sono già noti, ma trovare altri mondi alla giusta distanza dalla propria stella è solo il primo passo.



Di Matteo Marini - A cura di Paola Cipriani